Flashmob al limite della realtà, Giovedì 12 Maggio a Udine, alla galleria Tina Modotti.

Grazie all’appoggio dell’amico fotografo Paolo Youssef, uno dei 4 fotografi che ha esposto i esposto i suoi scatti alla mostra “Uno, nessuno, tre milioni. Occhi sulla rotta balcanica”, nella penombra della campo profughi ricostruito all’ex mercato del pesce si è udito un suono di fisarmonica.

Foto di Paolo Youssef

Foto di Paolo Youssef

Non serve spendere parole per descrivere la situazione, le emozioni di ciò che è accaduto.

Cito solo la frase dell’amico Youssef: “Se sarete usciti da questa mostra pensando di avere trovato domande invece che risposte, allora questa mostra sarà servita a qualcosa”.

Ringrazio chi mi ha voluto, chi non mi ha cacciato, chi è rimasto non 15 minuti come previsto, ma oltre un’ora e mezza, al buio e al silenzio, ad ascoltare ciò che il mio strumento aveva da dire.

 

Foto di Paolo Youssef

Pin It on Pinterest