Naviga al sicuro su paolofisa.it!

Novità talmente fresca da essere ancora calda, è l’aggiornamento del protocollo che da http diventa https!

e quindi?

Quindi ora potrai navigare in sicurezza senza il timore che qualche furbo si intrufoli tra te e il server, che potenzialmente potrebbe accedere ai tuoi dati personali.

Noterai nella barra degli indirizzi il lucchetto chiuso, cosa che non avviene in siti privi di questa sicurezza e che noterai invece in altre pagine importanti come Google, Facebook, Ebay ecc…

Tutto questo grazie al super supporto di Marco Londero, (www.webrond.net) valoroso webmaster sempre in prima linea nel tenermi aggiornato e nel fornire migliorìe a questo sito.

 

Maggiori informazioni su HTTPS

L’HyperText Transfer Protocol over Secure Socket Layer (HTTPS), (anche noto come HTTP over TLS,[1][2] HTTP over SSL[3] e HTTP Secure[4][5]) è un protocollo per la comunicazione sicura attraverso una rete di computer, il quale è largamente utilizzato su Internet. HTTPS consiste nella comunicazione tramite il protocollo HTTP (HyperText Transfer Protocol) all’interno di una connessione criptata dal Transport Layer Security (TLS) o dal suo predecessore, Secure Sockets Layer (SSL). Il principio che sta alla base di HTTPS è quello di avere:

  1. un’autenticazione del sito web visitato
  2. protezione della privacy
  3. integrità dei dati scambiati tra le parti comunicanti.

In telecomunicazioni e informatica è il risultato dell’applicazione di un protocollo di crittografia asimmetrica al protocollo di trasferimento di ipertesti HTTP. Viene utilizzato per garantire trasferimenti riservati di dati nel web, in modo da impedire intercettazioni dei contenuti.

Nel suo popolare funzionamento su internet, HTTPS fornisce l’autenticazione del sito web e del server web associato con cui una delle parti sta comunicando, proteggendo la comunicazione dagli attacchi noti tramite la tecnica del man in the middle. Inoltre, HTTPS fornisce una cifratura bidirezionale delle comunicazioni tra un client e un server, che protegge la stessa contro le possibili operazioni di eavesdropping, (azione mediante il quale viene ascoltata segretamente la conversazione privata tra le parti senza il loro consenso) e tampering (letteralmente manomissione o alterazione della comunicazione) falsificandone i contenuti.[6] In pratica, tale meccanismo fornisce una garanzia soddisfacente del fatto che si sta comunicando esattamente con il sito web voluto (al contrario di un sito falso), oltre a garantire che i contenuti delle comunicazioni tra l’utente e il sito web non possano essere intercettate o alterate da terzi.

Storicamente, le connessioni HTTPS erano usate soprattutto per i pagamenti nelle transazioni sul World Wide Web, e-mail e per le transazioni sensibili all’interno dei sistemi informativi aziendali. Nel tardo 2000 e nei primi anni del 2010, HTTPS ha iniziato ad avere una larga diffusione e ampio utilizzo per proteggere l’autenticità delle pagine web, la sicurezza degli account utente e per mantenere le comunicazioni, l’identità e la navigazione web dell’utente private.

Continua la lettura.

Fonte: wikipedia

Pin It on Pinterest